25/02/2003: Fornovo: ok, mettiamo in gioco i vostri corpi


Circa trecento persone hanno presidiato i binari della stazione di Fornovo per bloccare il convoglio militare. A tal fine alcuni compagni hanno cominciato a posizionare pietre, bancali e pezzi di ferro sui binari. Immediatamente i buorocrati della CGIL (alcuni ben noti per l'infame ruolo di cogestione degli interessi padronali sul nostro territorio) insieme a leader e leaderini del "movimento dei movimenti" hanno cercato di smobilitare le rotaie. Quegli stessi pacifisti che con il loro rifiuto della violenza mandano al macello i compagni, depotenziando la radicalitÓ delle lotte, recuperandole alla normalitÓ dello Spettacolo... la solita merda della Politica. La medesima pratica si Ŕ vista durante la vetenza FIAT, quando la CGIL e Rifondazione invitavano gli operai di Termini Imerese ad abbandonare il blocco dello stabilimento di Melfi per andare a sfilare a Roma.
I compagni che cercavano di praticare forme di azione diretta sono stati chiamati fascisti e provocatori dai pacifisti, con la stessa fraseologia utilizzata dagli stalinisti per criminalizzare i rivoluzionari. Invitando a smobilitare le rotaie, adducevano come motivi l'importanza dell'interposizione corporea, al fine di sensibilizzare l'"opinione pubblica" che la violenza Ŕ solo quella degli sbirri che ti trascinano via per i capelli nel mentre ti randellano, e il blocco momentaneo di due treni civili. Si recriminava sulle condizioni dei passeggeri, sugli operai nei treni che volevano tornare a casa; ma non erano forse operai e proletari quelli che bloccavano le ferrovia? Gli auspicati scioperi contro la guerra non dovrebbero servire a bloccare tutto?
Verso le 23.30, Ŕ stata data notizia che il convoglio militare non sarebbe transitato per la stazione di Fornovo forse per una deviazione di percorso. E' sembrato allora di poter cogliere un velo di tristezza nei volti dei pacifisti, le cui eroiche gesta non sarebbero state narrate dai mass media... peccato, con tutti quei flash che scattavano da ogni parte e tutte quelle ore di riprese video di novelli registi di ogni risma...
Non vogliamo che si ripetano le criminali gesta della disobbedienza civile che a Genova ha permesso la smilitarizzazione fisica - ma soprattutto mentale - dei manifestanti, favorendo quell'orgia poliziesca a tutti ormai fin troppo nota.
Per bloccare la macchina della guerra avremo bisogno di ogni mezzo necessario che la fantasia proletaria sarÓ in grado di esprimere.
Parafrasando un famoso articolo di Otto Ruhle (comunista consiliarista tedesco) del 1939: la lotta contro il fascismo comincia con la lotta contro il bolscevismo, ora la lotta contro la guerra imperialista comincia con la lotta contro il pacifismo.

http://www.autprol.org/