21/10/2003: Comunicato del Comitato Cittadino Contro il Carcere e la Repressione Sociale (Viterbo)


Sabato mattina 18 ottobre la sbirraglia di Viterbo e di Roma (nello specifico DIGOS e ROS) perquisiva le abitazioni di due compagni del Comitato Cittadino Contro il Carcere e la Repressione Sociale di Viterbo, uno dei quali veniva poi arrestato e tradotto al carcere di Regina Coeli; contemporaneamente a Roma venivano perquisite le dimore di un compagno del Comitato Cittadino dell'Autonomia di Classe e di una compagna del Comitato "G. Faina".
Le accuse per tutti si riferiscono allo svolgimento della manifestazione di Europposizione del 4 ottobre scorso in occasione della conferenza intergovernativa dei paesi della ComunitÓ Europea dove, secondo quanto recita il mandato del boia P.M. Salvatore Vitello della procura di Roma: "tale gruppo iniziava un fitto lancio di oggetti e sassi contro le forze dell?ordine e contemporaneamente danneggiava le vetrate della BNL" !
Come abbiamo giÓ ripetuto in occasione delle altre innumerevoli nonchŔ inutili perquisizioni subite negli ultimi anni dai compagni del Comitato, questi atti repressivi non possono certo fermare la nostra passione rivoluzionaria e la nostra determinazione nella lotta, a fondo e senza quartiere, contro il sistema di dominio

Contro la repressione nessun lamento
Linea di condotta combattimento
Passare dalla resistenza all?attacco
Per l'azione diretta Per il sabotaggio sociale
Onore a tutti i compagni caduti combattendo contro lo Stato ed il Capitale

Comitato Cittadino Contro il Carcere e la Repressione Sociale

autorganizzati-vt@libero.it

http://www.autprol.org/