05/11/2004: Venerdý 12 novembre nel centro di Milano manifestazione contro la Fiat


Il piano di smantellamento del settore auto in Italia va fermato!

ě No alla chiusura di Arese.
ě No allo svuotamento e alla progressiva chiusura di Mirafiori e degli altri stabilimenti
ě Basta con il trasferimento delle produzioni all'estero; taglio dei finanziamenti pubblici alla Fiat in caso di delocalizzazioni
ě Diminuzione dei ritmi di lavoro (TMC2) ed eliminazione dei turni massacranti e del lavoro al sabato e alla domenica, a partire da Melfi, Pomigliano, Pratola Serra e Termoli
ě Divisione del lavoro tra tutti gli stabilimenti
ě No al lavoro precario e alla legge 30
ě Forti aumenti ed equiparazione salariale in tutto il gruppo Fiat.

Parteciperanno alla manifestazione delegazioni delle fabbriche di tutto il gruppo Fiat

L'Alfa Romeo di Arese Ŕ in lotta ininterrotta da oltre due anni contro lo smantellamento della fabbrica. La Fiat pensava di sbarazzarsi dei lavoratori e di speculare tranquillamente su un'area enorme (2milioni e 200mila metriquadri), avuta a suo tempo in regalo -insieme al marchio Alfa Romeo- da parte dello Stato. Ma i lavoratori dell'Alfa non mollano e non intendono accettare i diktat della Fiat.
Vogliamo lavoro ad Arese e in tutti gli stabilimenti.
La lotta dei lavoratori dell'Alfa Ŕ la lotta dei lavoratori di tutto il gruppo Fiat.
Non c'Ŕ nessuna certezza sul futuro in tutte le fabbriche del gruppo.
Montezemolo e la famiglia Agnelli sembra che abbiano come unico piano quello di "abbellire" la Fiat (aumento dello sfruttamento dei lavoratori, chiusure di impianti e delocalizzazioni) per venderla a maggior prezzo al miglior offerente.
Diamo una svolta alla situazione!
In questo scenario sono forti anche le responsabilitÓ dei vertici sindacali di Fim-Fiom-Uilm-Fismic.
Dal licenziamento degli 8.000 nel 2002, ogni stabilimento Ŕ stato lasciato al suo destino e ognuno ha dovuto lottare per conto suo: Termini Imerese, Alfa Romeo, Melfi, Pomigliano, Termoli, Mirafiori .
Ora la Sevel sta facendo da sola la sua vertenza aziendale.
Da anni non si rinnova il contratto integrativo di gruppo, e non si propone nessuna piattaforma unificante. Anzi, Ŕ capitato addirittura che in alcuni stabilimenti quasi tutte le componenti sindacali si siano schierate contro le giuste lotte dei lavoratori su ritmi di lavoro, occupazione e salario.
Ad Arese da tempo immemorabile non si fa pi¨ vedere nessun dirigente nazionale di Fim-Fiom-Uilm, nonostante una lotta che vede in piazza da oltre due anni tutti i lavoratori dell'Alfa Romeo.

I cassintegrati dell'Alfa e lo Slai Cobas fanno un appello ai lavoratori di tutto il gruppo Fiat, alle forze sindacali e ai delegati: costruiamo insieme una piattaforma rivendicativa di tutti gli stabilimenti e organizziamo una lotta unitaria!

Venerdý 12 novembre manifestazione dei lavoratori dell'Alfa Romeo di Arese contro la Fiat nel centro di Milano. Al termine della manifestazione prenderanno la parola lavoratori e delegati delle fabbriche di tutto il gruppo Fiat (Mirafiori, Melfi, Pomigliano, ecc..).

Arese, 5-11-2004
Info 02 44428529 - 3333368603 Slai Cobas Alfa Romeo

http://www.autprol.org/