10/01/2006: SolidarietÓ militante ai compagni turchi in carcere e sotto processo a Perugia


Sabato 14 Gennaio presso il tribunale di Perugia si svolgerÓ un'altra udienza del processo contro i due compagni turchi (Er Avni e Zeynep Kilich) arrestati all'interno dell'operazione del 1░ Aprile del 2004, perchŔ accusati di appartenenza al DHKP-C (organizzazione comunista turca) inserita nelle famigerate "liste nere".
"Liste" stilate dall'imperialismo (yankee prima ed europeo poi) con lo scopo di
ostacolare la lotta di quanti si oppongono allo sfruttamento, all'oppressione, alla violenza imperialista nel mondo. Queste "liste" hanno, difatto,permesso nello specifico, con una montatura ad hoc, di compiere perquisizioni in Olanda, Belgio e Germania, di arrestare un centinaio di persone tra studenti, artisti e attivisti per i diritti umani, e in Italia di arrestare e tenere in carcere i due compagni turchi ((da oltre un anno e mezzo) e tre italiani utilizzando contro questi ultimi per la prima volta l'art. 270-ter c.p. (articolo creato per colpire la solidarietÓ internazionalista) mentre per i compagni
turchi l'accusa Ŕ stata quella di associazione sovversiva finalizzata al terrorismo
internazionale (art.270 bis c.p.).
Il tentativo, da parte degli organi della repressione italiana, in questo processo Ŕ quello di dipingere il DHKP-C ed i suoi militanti, come un'organizzazione terrorista, negando cosý la loro lotta politica contro il regime reazionario turco.
Quello che si svolge a Perugia contro i compagni Ŕ un processo politico, che trova il suo riscontro pi¨ generale in quel quadro in cui si inserisce sia l'entrata della Turchia nella ComunitÓ Europea sia negli accordi Nato.
Il nostro modo concreto di esprimere la solidarietÓ militante ai compagni turchi Ŕ stato quello di destinare il ricavato della due giorni (18-19 giugno) della G.I.R.P di quest'anno per le spese legali e di partecipare al IV░ Simposio Internazionale contro l'isolamento che si Ŕ svolto a Parigi il 16-19 dicembre 2005.
Siamo, per˛, altrettanto convinti che questo non sia sufficiente e proprio per questo lanciamo l'Appello a tutti/e i/le compagni/e a partecipare all'udienza del 9 dicembre a Perugia per far sentire a loro solidarietÓ e sostegno; udienza alla quale il Comitato promotore della Campagna sarÓ presente con una propria delegazione.
Ad un processo politico Ŕ necessario dare una risposta principalmente politica; e sarÓ importante e doveroso essere presenti. L'appuntamento ├Ę per
Venerdý 9 Dicembre ore 8,30 in piazza Matteotti di fronta al Tribunale di Perugia.
(29 novembre 2005)

Comitato promotore della "Campagna contro il 270 e i reati associativi"

http://www.autprol.org/