23/05/2007: Un conto da saldare


In occasione del processo che si terrÓ questo 25 maggio a Torino, per l'occupazione di Porta Susa del maggio 2005, dopo la morte di alcuni immigrati rei di non avere un documento, inseriamo il testo circolato ai tempi e i vari flyer.
(da informa-azione.info)

Torino. Maggio 2005.
Nel giro di pochi giorni morivano quattro immigrati nelle mani delle forze dell'ordine. Ibra, senegalese, ucciso da un colpo di pistola alla testa durante un "normale controllo"; Mamadou, anche lui senegalese, affogato nelle acque del Po durante una retata; Eddy, nigeriano, precipitato dal cornicione nel corso del rastrellamento di un condominio; una ragazza slava, intanto, si suicidava nel carcere delle Vallette.
Quattro omicidi, per preparare Torino alle "Olimpiadi della pace": una escalation di terrore poliziesco nei quartieri degli "indesiderabili", mentre nel CPT di corso Brunelleschi scorreva il sangue dei reclusi in rivolta, tra deportazioni e scioperi della fame.
Oggi, un anno dopo, quando i testimoni e gli amici degli immigrati uccisi sono stati zittiti o espulsi e gli sbirri responsabili delle morti dimenticati, arrivano le denunce per decine di compagni che in quei giorni osarono rompere il silenzio e solidarizzare con gli immigrati in lotta. Lo Stato vuole presentare il conto.
Intanto per˛, l'anno trascorso ha visto crescere, giorno dopo giorno, ben altro conto: quanti sono i ragazzi uccisi, come randagi, sulle strade della crescente disuguaglianza sociale? Si muore per pochi euro, qualche orologio, un'auto rubata, un ALT ignorato o un "semplice controllo". Questo mondo sta implodendo. Le classi proprietarie serrano i ranghi, la legge si aggiorna consentendo di armarsi e sparare in difesa della proprietÓ.

A PARIGI, IN NOVEMBRE, L'ENNESIMA DI QUESTE MORTI HA FATTO SALTARE IL COPERCHIO A UN'ESASPERAZIONE COVATA IN DECENNI DI UMILIAZIONI E SFRUTTAMENTO. DAI SOBBORGHI DEL CUORE D'EUROPA LA CANAGLIA TORNA AD ALZARE LA TESTA, INCENDIA, SACCHEGGIA, SI BATTE COI GENDARMI. ╚ LO STATO D'EMERGENZA, IL COPRIFUOCO, PROVE DI GUERRA CIVILE. ╚ IL RITORNO DELLA QUESTIONE SOCIALE.

Le fiamme di Parigi, illuminando l'alba del millennio, ricordano alla classe dominante quel che, in cuor suo, giÓ sa: prima o poi riceverÓ, da mano anonima e tremenda, il conto da pagare per tutti questi morti senza volto.

http://www.autprol.org/