22/12/2009: Tfr: un furto annunciato. Stupisce che i complici si stupiscano


"La decisione del Governo di utilizzare oltre 3 miliardi di Euro provenienti dagli accantonamenti del Tfr dei lavoratori a copertura di un terzo dell'intera Finanziaria un furto annunciato", afferma Pierpaolo Leonardi, Cordinatore nazionale RdB. "Gi dalla decisione di trasferire il Tfr dalle aziende ai fondi pensione e all'Inps era chiaro che il risparmio affidato ai fondi pensione sarebbe diventato carta straccia, e quello all'Inps sarebbe stato utilizzato dal Tesoro a copertura di esigenze che nulla hanno a che vedere con la previdenza dei lavoratori".
"Dunque, non ci stupisce tanto questo - prosegue Leonardi - quanto il fatto che Cgil, Cisl, Uil, Ugl, che hanno fortemente voluto e sostenuto il trasferimento del Tfr ai fondi pensione e lo smantellamanto di fatto dell'istituto del Tfr, oggi si stupiscano dell'uso che il Governo ne intende fare".
Conclude il Coordinatore RdB: "Non solo RdB diffida il governo dall'utilizzare questi fondi in modo diverso da quello che il loro unico scopo, ovvero garantire la buonuscita dei lavoratori, ma ritiene che sia ormai improcrastinabile l'introduzione di una norma che almeno consenta od ogni singolo lavoratore di fare marcia indietro e di riprendersi i propri risparmi".

Roma, 10 dicembre 2009
RAPPRESENTANZE SINDACALI DI BASE FEDERAZIONE NAZIONALE

webmaster@rdbcub.it

http://www.autprol.org/